giovedì 8 gennaio 2015

Torta Salata - Sole d'Inverno

L'idea di questa torta mi è venuta venendo a conoscenza degli ingredienti di quella fatidica torta di Capodanno dei miei amici Alessandrini. Volevo riadattarla, ma alla fine l'ho snaturata creando una torta completamente diversa che mentre la si mangia sembra di venir catapultati nel magico Nord Europa. Una torta calda ed avvolgente nel suo sapore. Ieri mancava solo la neve fuori e l'atmosfera c'era tutta.


Per 4/5 persone
Ingredienti:
1 porro grande
1 patate grossa gialla
250 gr ricotta
250 gr salsiccia mista
1 rotolo di pasta brisè
3 gemme di scamorza
q.b. farina, olio, sale, pepe, rosmarino

Procedimento:
Tagliare a rondelle sottili i porri, le patate e spellare la salsiccia. Mettere a rosolare il porro nell'olio.

Aggiungere il rosmarino, la salsiccia, sgranarla e rosolarla bene, per evitare che si attacchi alla pentola aggiungere o un pochino d'acqua oppure della birra bionda, ma poi dovete far sì che sia bella asciutta.

Mentre la salsiccia si rosola cuocete nella vaporiera per 8 minuti le rondelle di patate, cercate di disporle in modo che non si accavallino più del dovuto.

Una volta pronta la salsiccia mettetela in una boule e fatela arrivare a temperatura ambiente. Accendete il forno a 200 gradi ventilato. Togliete le patate e ponetele su un piatto a freddarsi un poco.

Amalgamare alla salsiccia la ricotta ed aggiustare di sale e pepe, se il composto non risulta una crema soda aggiungete un poco di farina fino ad ottenerla.

Disporre il rotolo in una tortiera, versare il composto di salsiccia e chiudere con le patate.

Pizzico di sale sulle patate, ora ripiegate i bordi e posateci sopra le 3 gemme di scamorza tagliate a rondelle, in modo tale che in cottura il formaggio sigillerà i bordi.

Cuocete a 200 gradi in forno ventilato per 20 minuti a livello centrale e poi senza muovere la tortiera settate il grill per il forno e lasciate fino a doratura. Un piatto unico da servire bello caldo, anzi bollente!

SMAKLIG MÅLTID

Le vostre prove:

Nessun commento:

Posta un commento

E tu che ne pensi?